Traduci: en English
PER SEGNALARE L'ATTIVITÀ DEL GHIACCIO RECENTE O LA COLLABORAZIONE POLIZIA / GHIACCIO, CHIAMA LA NOSTRA HOTLINE 844-864-8341. Ulteriori informazioni

Le pratiche di espulsione negli Stati Uniti sono state trasformate dai big data e dalla sorveglianza. Il Department of Homeland Security (DHS) fa sempre più affidamento su big data e tecnologia per condurre raid e deportazioni. Mentre gli stati, le città e le aziende tecnologiche raccolgono sempre più dati su tutti noi, il DHS ha trovato modi per accedere e immagazzinare i nostri dati personali e acquisire nuove tecnologie per individuare le persone ed eseguire i suoi arresti e deportazioni. I dati dei dipartimenti statali per la patente e la registrazione dei veicoli a motore (DMV) sono una delle principali fonti di informazioni utilizzate dall'Immigration and Customs Enforcement (ICE) per condurre l'applicazione dell'immigrazione.

In un mondo ideale, il governo federale regolerebbe il modo in cui gli enti pubblici e privati ​​in tutta la nazione possono raccogliere, archiviare e condividere dati. Tuttavia, la realtà attuale è che i dati personali vengono raccolti da agenzie locali e statali, nonché da società private, e le agenzie federali stanno ottenendo l'accesso ai dati attraverso canali formali e informali. Dunque, i governi statali hanno un ruolo vitale da svolgere nell'intervenire per garantire che i dati non vengano raccolti a meno che non sia necessario, non archiviato per un periodo più lungo del necessario e non condiviso con alcuna agenzia senza un mandato del tribunale. Grazie a SB-131, i nostri dati sono molto più vicini a essere più protetti, ma sappiamo che c'è ancora del lavoro da fare.

Sebbene l'SB-131 sia un risultato fondamentale, sappiamo che la sorveglianza del governo è in corso e l'ICE e altre agenzie predatorie stanno continuando a cercare modi per sfruttare i nostri dati. È giunto il momento di ritenere le società tecnologiche come LexisNexis, Palantir e BI Inc responsabili di sostenere e rafforzare la macchina di deportazione che fa a pezzi le nostre famiglie e comunità, ed è tempo di rafforzare le nostre leggi in tutto lo stato per proteggere meglio tutti i coloradani, non importa loro status di immigrato.