Traduci: en English
PER SEGNALARE L'ATTIVITÀ DEL GHIACCIO RECENTE O LA COLLABORAZIONE POLIZIA / GHIACCIO, CHIAMA LA NOSTRA HOTLINE 844-864-8341. Ulteriori informazioni

Il nuovo rapporto mostra che ICE utilizza i broker di dati per aggirare le leggi del Santuario

20 aprile 2022
Comunicato stampa
  • Privacy dei dati
  • Resistenza ICE

I documenti mostrano come ICE utilizza i dati di LexisNexis per aggirare le leggi del Colorado; Le forze dell'ordine del Colorado siedono nel consiglio di amministrazione di LexisNexis

Denver, CO — Immigration and Customs Enforcement (ICE) ha stipulato un contratto con una società di brokeraggio di dati con lo scopo esplicito di aggirare le politiche del santuario del Colorado, che hanno lo scopo di impedire la cooperazione delle forze dell'ordine con le operazioni di espulsione.

Il contratto, recentemente rivelato oggi, consente all'ICE di ricevere i dati sulle prenotazioni delle carceri in tempo reale dagli uffici degli sceriffi, avvisando gli agenti dell'ICE sulla posizione degli immigrati nelle carceri della contea. Poiché non possono più fare affidamento sul personale delle forze dell'ordine per fornire direttamente le informazioni sulla prenotazione del carcere, ICE sta invece acquistando i dati utilizzando la società di broker di dati di terze parti LexisNexis.

LexisNexis, che possiede uno dei più grandi database di informazioni personali al mondo, ha diversi contratti con ICE, tra cui un $ 22.1 milioni di contratto per fornire informazioni personali su centinaia di milioni di persone in tutto il paese. Lexis Nexis aggrega miliardi di record personali e li vende ad agenzie come ICE, condividendo nomi, indirizzi, storia creditizia, documenti fallimentari, targhe, dati di telefoni cellulari e altro ancora.

La nostra nuovo rapporto, intitolato "Santuario del sabotaggio: in che modo i broker di dati forniscono a ICE l'accesso backdoor ai dati e alle prigioni del Colorado”, mostra come ICE ha stipulato un contratto con la società di brokeraggio di dati Appriss Solutions, una sussidiaria di LexisNexis, per ricevere i dati sulla prenotazione del carcere da un sistema di allerta carcerario del Colorado chiamato VITE, che è gestito dagli sceriffi della contea del Colorado. Il sistema avvisa immediatamente gli agenti dell'ICE quando qualcuno nell'elenco degli obiettivi dell'agenzia viene prenotato nelle carceri della contea, consentendo all'ICE di arrestarli al momento del rilascio.

I sistemi di allerta dei dati sulle carceri come quello del Colorado esistono in quasi tutti gli stati, il che significa la backdoor creata da ICE potrebbe esistere a livello nazionale. L'HB19-1124 del Colorado, come le ordinanze dei santuari in tutto il paese, ha lo scopo di vietare alle forze dell'ordine statali di aiutare le operazioni di espulsione dell'ICE. L'ICE ha esplicitamente indicato le politiche dei santuari in tutto il paese come motivanti la sua necessità del software LexisNexis:

"A causa di cambiamenti politici o legislativi, ERO [Operazioni di applicazione e rimozione] ha registrato un aumento del numero di forze dell'ordine e governi statali o locali che non condividono informazioni sull'incarcerazione in tempo reale di cittadini nati all'estero con ICE. Pertanto, è fondamentale avere accesso ai servizi di intelligence della giustizia tramite Appriss Insights di LexisNexis."

Il nostro rapporto mostra anche evidenti conflitti di interesse tra le forze dell'ordine del Colorado: almeno due funzionari di alto rango attuali o precedenti:Vincent Line, il capo delle operazioni presso l'ufficio dello sceriffo della contea di Denver, che sovrintende a entrambe le prigioni di Denver, e Matt Lewis, l'ex sceriffo della contea di Mesa-siediti sul consiglio di un data warehouse LexisNexis che fornisce dati a ICE. Il il personale delle forze dell'ordine incaricato di far rispettare la politica del santuario di Denver siede nel consiglio di amministrazione della società incaricata di aiutare l'ICE a aggirare tali politiche.

LexisNexis stipula anche contratti diretti con la città di Denver, che ha firmato a Contratto di servizi dati da $ 750,000 nel 2020 che secondo i sostenitori potrebbe violare il Denver Public Safety Enforcement Priorities Act del 2017.

"Questa è la prova di qualcosa che sospettavamo da molto tempo: ICE sta stipulando contratti con società di tecnologia e dati, come LexisNexis, in particolare per aggirare le leggi del santuario", ha affermato Jacinta González, direttrice senior della campagna per la campagna #NoTechforICE di Mijente. “Gli agenti dell'ICE una volta facevano affidamento sulla polizia per aiutarli a rintracciarci, arrestarci e deportarci. Ora, le aziende tecnologiche, vendendo i nostri dati personali, le stanno aiutando invece".

"Per anni i membri della comunità sospettavano la condivisione di informazioni con ICE", ha affermato Siena Mann, responsabile dell'organizzazione e delle campagne della Colorado Immigrant Rights Coalition. “La gente ci chiede: come facevano a venirmi a prendere qui? Come facevano a conoscere il mio indirizzo oi nomi dei miei familiari? Questo rapporto mostra esattamente come LexisNexis stia accumulando dati da fonti commerciali, ma anche dalle forze dell'ordine per sondare le nostre comunità".

"Questi risultati sono inquietanti, ma purtroppo non sorprendenti", ha detto Pamela Reséndiz Trujano, direttore esecutivo di Colorado Jobs With Justice. “Questo è un altro esempio in una lunga storia di forze dell'ordine che utilizzano dollari pubblici per collaborare con società a scopo di lucro, esacerbando l'eccesso di polizia delle comunità di colore e il prendere di mira le famiglie di immigrati per l'espulsione. I funzionari locali dovrebbero porre fine alla loro relazione con broker di dati come LexisNexis che abusano del loro accesso ai dati e causano danni alle nostre comunità".

"Negli ultimi dieci anni, gli immigrati in Colorado si sono assicurati protezioni e servizi di base per assicurarsi una vita prospera nello stato, una di queste politiche è la protezione dei dati personali", ha affermato Ana Temu Otting, coordinatrice della campagna sull'immigrazione presso l'ACLU del Colorado. “Tuttavia, le aziende tecnologiche stanno costruendo gli strumenti utilizzati per sorvegliare, incarcerare ed espellere le nostre comunità, aumentando ulteriormente la sfiducia tra comunità e governo. Sceriffi, immigrazione e forze dell'ordine e società tecnologiche devono rispettare la legge statale che protegge i dati di tutti i coloradani".

"L'effetto agghiacciante della paura intorno ai dati utilizzati per perseguitare i membri della comunità privi di documenti ha un impatto reale sull'accesso all'assistenza sanitaria per gli immigrati in Colorado", ha affermato Miriam Ordoñez, responsabile sul campo della Colorado Consumer Health Initiative. “Pratiche predatorie come quelle delineate in questo rapporto dissuadono le persone interessate dall'accesso all'assistenza sanitaria e al sostegno finanziario necessari. I membri della nostra comunità privi di documenti meritano il diritto di sentirsi al sicuro nella ricerca dell'assistenza sanitaria come diritto umano fondamentale e non dovrebbero temere che i loro dati vengano condivisi per danneggiarli in base al loro stato di immigrazione".

###