Traduci: en English
PER SEGNALARE L'ATTIVITÀ DEL GHIACCIO RECENTE O LA COLLABORAZIONE POLIZIA / GHIACCIO, CHIAMA LA NOSTRA HOTLINE 844-864-8341. Ulteriori informazioni

Dichiarazione della CIRC a seguito della sentenza parlamentare

20 settembre 2021
Comunicato stampa
  • Riforma sull'immigrazione
  • DACA e TPS
  • CIRC

La seguente dichiarazione è la risposta della Colorado Immigrant Rights Coalition alla sentenza parlamentare del Senato che raccomanda contro l'immigrazione nel disegno di legge di riconciliazione del bilancio come organizzazione:

“Domenica, il parlamentare del Senato ha raccomandato contro l'inclusione di un percorso verso la cittadinanza nel disegno di legge di riconciliazione di bilancio per i titolari di DACA e TPS, i lavoratori essenziali e i braccianti. Tuttavia, questo è lontano dalla fine. I legislatori democratici continueranno a lavorare con il parlamentare per trovare un modo per includere un percorso verso la cittadinanza nella riconciliazione. I legislatori sanno che non possono tornare nelle loro comunità senza mantenere la loro promessa sull'immigrazione. Non accetteremo un no come risposta.  

 

Il fatto che il destino di milioni di famiglie, tra cui migliaia in Colorado, sia nelle mani di un procuratore non eletto del Senato parla dei numerosi ostacoli sistematici che tengono bloccato il progresso americano. Ricordiamo ai nostri funzionari eletti che la raccomandazione del parlamentare è proprio questo: una raccomandazione. I legislatori non sono vincolati a questa decisione. Devono agire nel migliore interesse del popolo americano, che sostiene in modo schiacciante un percorso verso la cittadinanza nella riconciliazione. Sia il Presidente che i Democratici al Congresso hanno espresso un forte sostegno a questo percorso. È tempo per loro di mostrarci com'è.

 

Infine, le nostre comunità sanno che il cambiamento arriva solo quando lo richiediamo. Siamo più determinati che mai a marciare per le strade di Denver questo sabato a nome di tutti gli immigrati e rifugiati del nostro stato. Questa decisione non rallenta in alcun modo il nostro lavoro. Al contrario, ora è assolutamente fondamentale per noi parlare. Siamo più determinati a marciare e chiedere un cambiamento".